RUSCONI TINO

  BIOGRAFIA

Tino Rusconi ha detto una volta: “la mia pittura non è il figurativo dove una mela è una mela; né l’astratto dove la gente comune non capisce niente: la mia pittura nasce sul crinale di questi due modi di dipingere e di pensare la pittura”.  Tino Rusconi è un lombardo già molto affermato. È nato a Lecco nel 1958, ma vive da sempre a Bergamo. Ha fatto fino a vent’anni una professione tecnica poi, grazie al pittore locale Gilberto Feruta, ha scoperto la pittura, prima quella ovvia e di genere, nature morte e paesaggi, non scevri della grande linea figurativa lombarda; poi ha lentamente conquistato una sua personalissima cifra stilistica, un mondo e uno stile che via via si sono evoluti, ma sempre, o quasi, su un medesimo pedale di fondo, su alcuni leit motiv di tonalità, di arabesco, di struttura. Della pittura lombarda, Rusconi ha sentito più il tono che la potenza materia, più del realismo dispiegato e impegnato, certe velature timbriche e consistenti che segnano i suoi quadri di evanescenti e struggenti atmosfere. Il centrale segreto di Rusconi è quello di far apparire le immagini su tela non con nitida evidenza ma attraverso velature successive e spiazzanti che mentre svolgono un racconto, tuttavia provocano all’occhio dell’osservatore un curioso effetto di “c’è e non c’è”. Una sorta di nebbia più memoriale che meterologica vela ogni composizione che tuttavia si percepisce a tratti nella sua ricchezza narrativa.

30x30

30×30

DSCN8793

30×30

DSCN8789

70×80

30x30

30×30

 

 

 

 

 

 

 

 

dscn8868

60X70